I Quintorigo si formano nel 1996. Fin dall’inizio la loro musica, fortemente sperimentale, fonde jazz, classica, rock e pop. Il gruppo inizia la propria attività proponendo dal vivo un repertorio fatto di cover di artisti di diversa estrazione musicale (Miles Davis, Jimi Hendrix, Nirvana).

Il primo disco (autoprodotto) è l’album promozionale Dietro le quinte (1998). Nel 1998 si classificano primi all’Accademia della Canzone di Sanremo: è il prologo alla loro partecipazione al Festival di Sanremo 1999, durante il quale si fanno conoscere al grande pubblico con Rospo. Al festival della canzone italiana si aggiudicano il Premio della Critica nella sezione “Giovani” e quello della Giuria di qualità. Lo stesso anno grazie a Rospo vincono la Targa Tenco per la miglior opera prima.

Nella cerimonia di premiazione suonano con Franco Battiato rivisitando il suo brano L’animale. Il 1º maggio 1999 partecipano al Concerto del Primo Maggio, in Piazza San Giovanni, a Roma, suonando alcuni brani del loro album Rospo. Nel settembre 2000 pubblicano Grigio, che conferma come il gruppo sia bravo ad affrontare diversi generi (sono presenti la cover di Highway Star dei Deep Purple e degli omaggi a Paolo Conte). Si presentano nuovamente a Sanremo nell’edizione del Sanremo nel 2001, con Bentivoglio Angelina (inserita nella ristampa di Grigio). Con questo brano ottengono il Premio della Giuria di qualità per il “miglior arrangiamento”.

Tra il 2001 e il 2002 si esibiscono dal vivo in una serie di concerti e partecipando a diversi festival, tra cui il Brand: new Tour, gli Italian Music Award (con Carmen Consoli), e al Concerto del Primo Maggio 2001. Realizzano anche la colonna sonora del film La forza del passato (2002), diretto da Piergiorgio Gay. Alla fine del 2002 il gruppo rientra in studio a Rimini per registrare In cattività (marzo 2003), nel quale si accostano anche alla musica elettronica. Tra gli ospiti del disco vi sono Ivano Fossati e un’orchestra di 60 elementi, l’Orchestra Sinfonica “Mihail Jora” di Bacau (Romania) e la Banda di Massamalata (che partecipa al brano U.S.A. e getta). Dopo due anni di pausa, nel 2005, a seguito di divergenze artistiche e personali, John De Leo (voce) si separa dal gruppo. Da qui il gruppo si dedica ad un progetto su Charles Mingus (Quintorigo Play Mingus) con la voce femminile della cantante bolognese Luisa Cottifogli (già collaboratrice di Ivano Fossati e Lucio Dalla e interprete di lirica, teatro e jazz). Nel 2006 con la nuova cantante viene pubblicato l’album Il cannone, che dà l’avvio ad un nuovo percorso dal lato onirico e introverso rispetto al passato.

Fra le altre collaborazioni del gruppo, oltre a quelle già citate, vi sono quelle con Roberto Gatto, Enrico Rava e Antonello Salis. Nel giugno 2012 partono con una nuova tournée ed un nuovo progetto dedicato a Jimi Hendrix.[2] Il nuovo cantante che li accompagna dal vivo è Moris Pradella (che collabora anche con il cantante italiano Mario Biondi, nel ruolo di corista). Il 27 novembre 2012, per il settantesimo anniversario della nascita di Jimi Hendrix, è stato pubblicato il nuovo disco che si intitola Quintorigo Experience per l’etichetta Métro/Self. A questo album partecipano, tra gli altri, i cantanti Moris Pradella, Eric Mingus e Vincenzo Vasi (impegnato anche al theremin), oltre che i musicisti Antonio Bianchi e Michele Francesconi. Vantano tre partecipazioni ad Umbria Jazz: nel 2010, nell’edizione invernale di Orvieto, presentando Play Mingus accompagnati da Maria Pia De Vito, nel 2012, con Quintorigo Experience, sempre a Orvieto (avvalendosi, peraltro, della partecipazione del cantante statunitense Eric Mingus), e nel 2013, ancora con quest’ultimo, ma nella kermesse estiva, al fianco dei grandi nomi del jazz mondiale, a Perugia. A maggio 2015, esce il loro lavoro discografico dedicato a Frank Zappa (Around Zappa), nato dalla collaborazione con il batterista Roberto Gatto, dove si ritrova ancora una volta come vocalist Moris Pradella, da considerarsi ormai membro stabile del gruppo. Per il 2016, è annunciata l’uscita di un nuovo album di inediti, sempre con la collaborazione di Roberto Gatto e Moris Pradella.

Nel 2018 esce il doppio album Opposites[3], un lavoro che ancora una volta alza il tiro di un personalissimo percorso artistico e gioca con i chiaroscuri della musica del ‘900: da Duke Ellington a Monk, da Oliver Nelson a Ornette Coleman, da David Bowie alle tinte acide dei Rage Against The Machine. Rivisitazione di classici e dialogo con essi, in 10 cover e 11 brani originali, con la massima libertà artistica, un nuovo imponente lavoro discografico a cui seguirà anche uno spettacolo live originale e dirompente presentato il 5 luglio 2018 a Udin&Jazz.

'Quintirigo'

I concerti di Entroterre

Nessun concerto